Home > Discussioni > Simboli, memoria, appartenenza

Simboli, memoria, appartenenza

Il 28 aprile 1794, a Cagliari, una folla raccogliticcia ma determinata prendeva il Castello, conquistava la torre di San Pancrazio (antica prigione della città) e liberava i due stimati personaggi che vi erano stati rinchiusi, perché sospettati di sedizione. Da lì cominciava il moto popolare che condusse la Sardegna a liberarsi dei funzionari piemontesi – viceré in testa – e a governarsi da sola…

0 citazioni | fonte: ProgReS - Progetu Repùblica»Su giassu de s'indipendentismu dinàmicu pro sa Repùblica de Sardigna ProgReS – Progetu Repùblica | leggi il post

1

Sa Die de Sa Sardigna-2012

Matematicamedie il 28 aprile 2012

…, Sapete vero, perché per noi oggi è un giorno di vacanza? Sa Die de sa Sardigna è la festa del popolo sardo che ricorda i cosiddetti "Vespri Sardi",… più! E anche QUI. Vi regalo l'inno “Su Patriotu Sardu a sos Feudatarios”, noto come “…

2

Sa die de sa Sardigna est che semini

Michela Murgia il 28 aprile 2012

Oggi ho mostrato questa foto a chi mi aveva detto che quel bulbo non sarebbe fiorito mai "perché era ibrido". Lo dicono anche della Sardegna, a volte. Bona die de sa Sardigna e augùrius mannus a totus is sardus chi s'intendit a che sèmini.

3

Le feste non sono tutte uguali

SardegnaMondo il 1 maggio 2012

…mass media a Sa Die de sa Sardigna, salta agli occhi…status quo sollecitare entusiasmi colletivi su una celebrazione che non ha…conosce il suo pubblico e sa dove andare a incidere in…della nostra crisi perenne. Santu Efis avrà pazienza. Condividi su Facebook…