Home > Discussioni > Perché lo spot Procter & Gamble sulle mamme fa piangere

Perché lo spot Procter & Gamble sulle mamme fa piangere

È firmato dal regista messicano Alejandro González Iñárritu e dall’agenzia Wieden+Kennedy lo spot che Procter & Gamble, partner dei giochi olimpici di Londra 2012, dedica a «the hardest job in the world, the best job in the world», come definisce il lavoro della mamma. Per cui alla fine si dichiara «proud sponsor of moms». Lo spot mette in scena quattro madri che, nei quattro…

0 citazioni | fonte: Dis.amb.ig.uando | leggi il post

1

Fumo di Londra

Nonvogliomicalaluna il 23 aprile 2012

Cento giorni (e cento notti…no, quelle le cantava Caterina Caselli) alle Olimpiadi di Londra, un evento sportivo di grande impatto mediatico ed economico. Le mie estati sono state spesso scandite dai Giochi: chissà dove è finito il poster di Mosca ’80,…

2

TEST

Lipperatura il 24 aprile 2012

Informazione di servizio: per quanto riguarda il gruppo su donne e cultura, stiamo organizzando il lavoro. Chi fosse interessato a un particolare settore (giornali, case editrici, editing, traduzioni) mi mandi una mail (l’indirizzo è nei contatti). …

3

Perché lo spot Procter & Gamble sulle mamme fa piangere

Contaminazioni tra Norme & Comunicazione il 24 aprile 2012

Reblogged from D I S . A M B . I G U A N D O:È firmato dal regista messicano Alejandro González Iñárritu e dall’agenzia Wieden+Kennedy lo spot che Procter & Gamble, partner dei giochi olimpici di Londra 2012, dedica a «the hardest job in the world, the…

4

Io non Piango

Il corpo delle donne » il 25 aprile 2012

Io non ho pianto. Come dice la mia amica Anna “piangere? dovrei poi asciugarmi le lacrime e non ho tempo di cercare il fazzoletto”. Letto il post di Giovanna Cosenza e anche quello di Loredana Lipperini sullo spot Procter e le mamme. In breve si racconta…

5

Rassegna pubblicitaria, ovvero Carosello.

Biscomarketing.it il 2 settembre 2012

Ho come l’impression che quest’anno ilreintro all’attività post vacanze sia un po’ più rallentato del solito. Forse perchè le vacanze si sno ridotte (se non eliminate) e siamo tutti più stanchi. Ad ogni modo vedo di contribuire ad un rientro soft con un…